Roberto Cingolani è un ministro inadeguato, vuole fermare la transizione ecologica. I fatti parlano per lui: dalle esternazioni sul nucleare e sugli ‘ecologisti radical chic peggio della catastrofe climatica’, fino a quelle di ieri sugli aumenti delle bollette energetiche, senza indicare la soluzione. A rivendicarlo il co-portavoce nazionale di Europa Verde, Angelo Bonelli, nel corso di un sit in organizzato a Roma, davanti al Pantheon, per chiedere le dimissioni del ministro della Transizione Ecologica, nel giorno in cui è previsto un vertice di chiarimento in video conferenza tra lo stesso titolare del dicastero e il presidente M5s Giuseppe Conte.
“Per il ministro ciò che fa paura non è lo smog, gli incendi, la desertificazione, ma la stessa transizione ecologica. Allora abbiamo il sospetto che voglia soltanto far passare le lobby del nucleare e dell’industria fossile e consentirgli di avere un ruolo nella gestione dei fondi del Pnrr del nostro Paese”, ha attaccato Bonelli. E ancora: “Gravi le sue frasi sui rincari delle bollette: lui è un ministro, non può limitarsi alla denuncia. Non dice che la responsabilità non è della transizione, ma di una politica energetica sbagliata, che si basa su gas, che in Europa sta aumentando incredibilmente il prezzo. Questa è l’occasione da non perdere per puntare sulle rinnovabili. Invece questa gente è irresponsabile. Non può andare al governo e pensare di portare l’Italia nel passato e nell’area del negazionismo climatico“, ha aggiunto.
Per poi lanciare un appello allo stesso Conte: “Spero che l’incontro con Cingolani non finisca con un nulla di fatto e che si stringano virtualmente la mano. Voglio ricordare al presidente M5s che ha messo nel suo simbolo una data, 2050. Ecco, secondo il Forum Ambrosetti e la fondazione Enel, le politiche adottate da questo governo e dagli esecutivi passati porteranno a raggiungere gli obiettivi sul clima dell’Europa del 2030 con 29 anni di ritardo in Italia, perdendo 424 miliardi di euro”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prezzi energia, la Ue: “Solo un quinto del rincaro delle bollette causato da quote Co2, il resto dal mercato. Aumenti non devono paralizzare transizione ma accelerarla”

next
Articolo Successivo

La mortalità che si registra a Napoli è pari all’inquinatissima Milano ma nessuno lo dice

next