Sono stati tratti in arresto otto indagati, in esecuzione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, poiché ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione e vendita di armi clandestine, estorsione, lesioni personali aggravate, reati tutti aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose. L’indagine sulla famiglia mafiosa di Bagheria ha permesso di scongiurare l’omicidio di un pregiudicato locale, estraneo al sodalizio, ritenuto poco incline al rispetto delle ‘regole’ imposte dall’organizzazione mafiosa. In una delle intercettazioni si sente dire: “Lo portiamo in campagna e lo scanniamo come un vitello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, 8 fermi a Bagheria: sventato un omicidio. Estorsioni, scommesse e il divieto di produrre dolci: ecco chi era il nuovo capo

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta in Piemonte, 10 anni fa lo ‘tsunami’ Minotauro. Ecco cos’abbiamo imparato

next