Si sono svolti questa mattina, martedì 17 agosto, nella Chiesa dell’istituto salesiano don Bosco di Palermo i funerali di Maria Rosa Pilliu, protagonista insieme alla sorella Savina di una battaglia contro la mafia lunga 30 anni. La loro straordinaria storia di resistenza civile è al centro del libro di Marco Lillo e Pif Io posso. Due donne sole contro la mafia (ed. PaperFirst, Feltrinelli). Durante il funerale Pif si è rivolto alla sorella Savina: “Qui c’è la parte migliore della città – ha detto – Se già prima eravamo convinti a raccontare la vostra storia, ora lo siamo ancora di più. Noi ci saremo sempre. È chiaro che quando chiuderai la porta di casa sarai sola, ma quando la aprirai noi ci saremo. E allora lasciala aperta, continua a raccontare la vostra storia. Sarà un modo per tenere la mano di tua sorella che purtroppo non c’è più. Noi, ha concluso, continueremo a dire ‘le sorelle Pilliu‘, perché quello che avete fatto vi ha reso eterne”. Maria Rosa Pilliu, 71 anni, è morta il 13 agosto in seguito a un arresto cardiaco, a Riace, dove si era recata per qualche giorno di vacanza. Al suo funerale hanno partecipato il vicesindaco di Palermo Fabio Giambrone, il sostituto procuratore antimafia Domenico Gozzo, Vincenzo Agostino, padre del poliziotto ucciso Antonino Agostino, Carmine Mancuso, figlio di Lenin Mancuso, poliziotto assassinato in un agguato mafioso nel 1979.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Durigon, Maria Falcone a Draghi: “Sulla lotta alla mafia mi aspetto parole nette. E Salvini dica se per la Lega è una priorità”

next
Articolo Successivo

Messina Denaro e gli altri 5: ecco chi si sono i “top most wanted”, i latitanti di massima pericolosità . Viminale: “In 10 anni 132 arresti”

next