Il fondatore e direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri sarà il capolista di Fratelli d’Italia alle prossime elezioni amministrative di Milano. Lo ha annunciato la leader del partito, Giorgia Meloni, durante la presentazione del proprio libro “Io sono Giorgia” a Palazzo reale. “Sono estremamente fiera di annunciare non solo che il direttore Vittorio Feltri ha deciso di iscriversi a Fratelli d’Italia, ma che l’abbiamo anche convinto con facilità a guidare la nostra lista per le amministrative”, ha detto. Il nome di Feltri – in rotta con il proprio giornale dopo l’avvento di Alessandro Sallusti sulla poltrona di direttore responsabile – era stato fatto nei giorni scorsi anche a proposito di una possibile candidatura a sindaco, ma lui aveva rifiutato l’investitura: “Non saprei amministrare un condominio, figuriamoci Milano”. “Non mi candido a sindaco perché non ho nessuna voglia di farlo, perché mi romperei i coglioni a fare quel mestiere lì che non so fare”, ha ribadito, raggiunto da LaPresse dopo l’annuncio della Meloni. “Il consigliere si gratta le palle, fin lì ci riesco”, ha dichiarato.

La coalizione di centrodestra non ha ancora individuato il proprio candidato, dopo le rinunce, tra gli altri, dell’ex sindaco Gabriele Albertini e dell’imprenditore Oscar di Montigny. “Spero che il nome esca domani, penso che sia ora di mettersi a fare campagna elettorale”, ha detto la leader di FdI.Il profilo pù quotato, al momento, è quello del primario di Pediatria all’ospedale Fatebenefratelli, Luca Bernardo, già candidato nel 2006 con la lista civica di Letizia Moratti (senza essere eletto). “Mi ha fatto un’ottima impressione, di grande serietà e di grande umanità e da madre non posso che avere una passione per un pediatra”, ha dichiarato Meloni.

Bernardo, 54 anni, è stato responsabile nazionale per il disagio giovanile e il bullismo presso il ministero dell’Istruzione. “Lo conosco, è un ottimo pediatra e direttore di dipartimento. Ne discuteremo, ovviamente, ma io non ho nessuna obiezione“, ha detto anche il deputato Maurizio Lupi, già ministro delle Infrastrutture e attuale presidente della forza centrista Noi con l’Italia, lui stesso considerato uno dei “papabili” per la corsa a palazzo Marino. Per Gabriele Albertini si parla invece di una candidatura in “ticket” come vicesindaco: per Meloni “è sicuramente una opzione sul tavolo, ma credo che si debba partire dal candidato sindaco prima di parlare del candidato vicesindaco. Siamo ancora un passo indietro, speriamo di risolvere la prima delle questioni e di affrontare la seconda”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggio su consenso presidenti di Regione e sindaci: Zaia e Bonaccini in vetta. Decaro tra i sindaci. Male quelli delle grandi città

next
Articolo Successivo

L’annuncio di Meloni: “Vittorio Feltri si è iscritto a Fratelli d’Italia e guiderà la nostra lista alle elezioni di Milano”

next