“Questo Paese ha un debito nei confronti dei lavoratori e non verso chi evade le tasse o le paga da un’altra parte”. È uno dei passaggi del discorso, fatto dal palco di Torino, di Maurizio Landini, che ha chiuso la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil. “Siamo sindacati autonomi, ragioniamo con la nostra testa. E giudichiamo i governi non per quello che dicono ma per quello che fanno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Taverna: “Sarà Conte a dire ciò che farà”. Giarrusso: “Accordo con Grillo lo troverà”. E gli attivisti: “Senza l’ex premier il Movimento è finito”

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, Letta a SkyTg24: “Il dialogo non sarà facile, meglio andare al voto in Aula”

next