Oggi nessuno riesce ad accettare le critiche. Per me nella comunicazione musicale di oggi c’è del bello e del brutto, c’è molta roba inutile e cioè ripetitiva. Cioè quando la canzone indie, pop e rap dice continuamente le stesse cose”. Sono le parole di Roberto Vecchioni dal palco del Passaggi Festival di Fano. Il cantautore dice però che gli piace moltissimo “chi inventa”. E fa il paragone tra le due generazioni musicali, la sua e quella attuale: “La nostra generazione è una generazione di sentimento, di emozione pura. Non possiamo sentire dei giochi verbali”. Invece “la comunicazione” per i ragazzi “è fatta proprio di questo”, a loro le emozioni “arrivano con quei giochi verbali” e “non possiamo dargli torto. Giusto quindi prendere nuove strade. Ma, specifica, “se posso essere sincero, se qualcosa deve passare alla storia è Guccini e non Fedez”. Però, conclude, “questo non significa che uno non possa essere professionista”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filippo Bisciglia: “Non amo parlare di cose private ma questo è un momento difficile”

next
Articolo Successivo

Maneskin, i sosia nella pubblicità della mozzarella per la pizza surgelata: la trovata in Lettonia

next