Sul blocco dei licenziamenti “la strada non è individuare i settori particolarmente critici: non è con i codici Ateco che si può affrontare l’impatto sul piano occupazionale che le ripartenze avranno. Bisogna, e ci stavamo già lavorando con il Conte 2, riformare integralmente il sistema degli ammortizzatori sociali che è completamente vetusto e introdurre dei meccanismi di protezione dell’occupazione che più che basarsi sui codici Ateco e su settori astrattamente definiti, si basi sui cali di fatturato reali, su criteri circostanziati e precisi “. Lo ha detto Giuseppe Conte durante l’iniziativa “Verde e Giusta”, commentando la discussione all’interno del governo sulla proroga dello stop ai licenziamenti. Dopo il caso della norma prima inserita da Orlando e poi cancellata nel decreto Sostegni bis, la partita politica non è ancora chiusa. M5s, Pd e LeU, insieme ai sindacati, insistono nel chiedere un prolungamento almeno per i comparti più colpiti dalla crisi pandemica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dove c’è seggio, c’è Sgarbi: è (anche) assessore in pectore nella eventuale giunta Michetti. Elenco (incompleto) degli incarichi dal 2012

next
Articolo Successivo

Sala a Conte: “Spero che traghetterai il Movimento nel centrosinistra senza ambiguità”. L’ex-premier: “M5s sarà innovatore e riformista”

next