È inutile negare che lo scontro in atto in questi giorni tra fautori della tutela e sostenitori della transizione ecologica è molto forte. Non potrebbe essere altrimenti perché in questi giorni si decide in merito alla proposta del ministro Roberto Cingolani di ridurre a 30 giorni l’iter autorizzativo delle Soprintendenze.

A supporto della proposta sono uscite sulla stampa delle dichiarazioni di Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, contro le Soprintendenze, colpevoli secondo lui di mettere a rischio il raggiungimento dell’obiettivo della Ue di ridurre del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030. Una accusa che Italia Nostra trova ingiustificata, visto che le lungaggini spesso derivano dalla scarsa qualità dei progetti presentati dagli operatori.

Altrettanto duro è lo scontro che oppone i territori alla concreta realizzazione degli impianti eolici e fotovoltaici a terra e che spesso finiscono nei Tribunali amministrativi d’Italia, da nord al sud. Dopo anni in cui la speculazione green ha devastato incontrastata le aree interne, dove le Comunità sono indifese e prive di una forte rappresentanza politica (vedi la Basilicata, il Molise e la Capitanata in Piglia), oggi sono gli stessi sindaci a opporsi. Le comunità più popolose delle coste sono riuscite a respingere le proposte di impianti eolici offshore a Termoli, a Manfredonia nel Gargano, a Is Arenas in Sardegna, a Sciacca e a Gela in Sicilia, e infine a Rimini. Sui territori le battaglie sono spesso portate avanti con l’appoggio del WWF e della base di Legambiente.

La narrazione fantasiosa, che vorrebbe altissimo il gradimento delle fonti rinnovabili, si dissolve come nebbia al sole quando i cittadini vedono sorgere questi impianti dietro casa, nella loro terra e nel loro mare. E allora ringraziano il cielo che esistano le tanto vituperate Soprintendenze, costantemente sotto attacco delle forze politica interessate solo a depontenziarle. Come anche la narrazione che in altri paesi europei non vi sia un movimento contro l’eolico selvaggio: vedere l’EPAW (European Platform Against Windfarms) che raccoglie 1615 sigle in 31 paesi.

Perché continuare a negare ai territori il diritto di tutelare il loro ambiente, le biodiversità e anche settori importanti dell’economia, come il turismo, l’immobiliare e l’agricoltura? Legambiente fa finta di non vedere lo scempio del paesaggio per l’estrazione industriale di energia cosiddetta green a beneficio di grandi multinazionali che, oltre a beneficiare di incentivi pagati a caro prezzo dagli italiani nelle loro bollette, versano pochi spicci ai poveri agricoltori costretti a piegarsi al loro strapotere. E, infine, è indifferente alle leggi dello Stato, quel Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio che altri paesi ci invidiano ma che dà fastidio a chi vorrebbe tappezzare le campagne italiane di pannelli fotovoltaici e coprire tutti i crinali con torri eoliche.

Per superare questa sterile contrapposizione, Italia Nostra propone di:

autorizzare solo i progetti validi, istruiti con cura e non accanirsi a chiedere modifiche che ingolfano inutilmente i lavori della Commissione di VIA, prassi già denunciata da tutte le associazioni ambientaliste;

rivedere il sistema degli incentivi, concentrandoli sull’installazione dei pannelli solari sui capannoni industriali, sugli edifici nelle periferie delle città, sui parcheggi e lungo le autostrade;

incentivare soluzioni tecnologiche meno impattanti dell’eolico gigante;

favorire la nascita di comunità energetiche attraverso leggi e politiche fiscali ad hoc, mettendo finalmente in mani democratiche la produzione energetica: il sole e il vento sono di tutti, non dei grandi gruppi energetici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aria inquinata soprattutto a causa del traffico: allarme a Milano, dove ogni anno muoiono 1500 persone per malattie legate ai veleni

next
Articolo Successivo

Abruzzo, la giunta taglia per legge 10mila ettari al Parco del Velino. Ma per l’assessore leghista si favorisce la “transizione ecologica”

next