Nuova polemica tra Alberto Zangrillo, primario di Anestesia e rianimazione dell’ospedale San Raffaele di Milano, e il collega Massimo Galli, direttore delle Malattie infettive dell’ospedale Sacco. L’infettivologo, ospite di Timeline su Sky Tg24 ha risposto all’anestesista che questa mattina ha scritto un messaggio positivo su Facebook. “Il pronto soccorso Covid 19 del San Raffaele è vuoto – ha scritto Zangrillo – Vaccini, ricerca e soprattutto cure corrette e tempestive fanno la differenza”.

Un messaggio che non ha lasciato indifferente Galli, che, intervistato su Sky, ha puntualizzato: “Non mi piace contrappormi ai colleghi, sono stanco. Non desidero questo genere di contrapposizione – ha sottolineato – . Il professor Zangrillo fa egregiamente il rianimatore, ma meno epidemiologo, il virologo o il clinico di malattie infettive, e ha un altro approccio al problema, mettiamola così”. Secondo l’infettivologo “l’impressione è che questo tipo di messaggi non tenga conto di una serie di fenomeni che stiamo vedendo e che sono sconcertanti, come ad esempio la crescita delle infezioni in Germania”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Brusaferro: “Scendono i casi tra gli anziani, è indice di efficacia dei vaccini. Curva in calo anche fra sanitari e in Rsa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Brusaferro: “Quadro complessivo impegnativo. Incidenza ancora tre volte superiore alla soglia minima per il tracciamento”

next