Matteo Salvini tra silenzi imbarazzati e giustificazioni prova a motivare il no alla mozione di sfiducia individuale, targata Fratelli d’Italia, nei confronti del ministro della Salute, Roberto Speranza, votata oggi in Senato. “Non era una mozione contro Speranza ma per mandare a casa Draghi”. Così le critiche rivolte al ministro dall’inizio della pandemia fino alle polemiche sul coprifuoco da parte del leader della Lega, sono d’un tratto lontani ricordi. E incalzato su questo, fuori dal Senato, Salvini replica: “Conto che Arcuri possa essere presto un collega di Speranza e viceversa. Io preferirei tutta la vita Sileri come ministro della Salute” e dopo aver rilanciato la commissione d’inchiesta su quanto fatto dal precedente governo contro la pandemia, Salvini ribadisce: “Se la Lega oggi avesse votato assieme a Fratelli d’Italia sarebbe caduto il governo Draghi. Con 200 miliardi in ballo io faccio saltare il governo per il signor Speranza? No”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte replica a Domani: “La mia era normale e lecita attività professionale. Da De Benedetti livore, non l’ho mai incontrato da premier nonostante i solleciti”

next
Articolo Successivo

Fondi Lega, il sottosegretario Durigon: “Il generale che fa le indagini lo abbiamo messo noi”. La rivelazione nell’inchiesta di Fanpage.it

next