Nella notte del 10 aprile 1991, 140 persone persero la vita in seguito alla collisione del traghetto Moby Prince, partito da Livorno e diretto a Olbia, con la petroliera Agip Abruzzo. Sono passati 30 anni e ancora non si conoscono i colpevoli e mancano pezzi di verità. Una su tutte: la causa della collisione. Sono però emersi diversi nuovi punti chiave negli ultimi anni, che hanno determinato una svolta nelle ricostruzioni più recenti della vicenda. L’equipaggio del traghetto non stava guardando una partita di calcio. Non morirono tutti in mezz’ora. La petroliera era in area di divieto di ancoraggio e pesca. C’era chi sapeva del coinvolgimento del Moby Prince ben prima del ritrovamento ufficiale. E ancora, un accordo assicurativo tra Snam e Navarma a due mesi dal disastro “pose una pietra tombale” su qualsiasi ipotesi conflittuale tra le società armatrici

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moby Prince, il mistero dell’indagine parallela del broker assicurativo di Londra. “Ufficiali di una nave americana interrogati in Texas”

next
Articolo Successivo

Appalto per le mascherine cinesi, “l’ex commissario Domenico Arcuri indagato per peculato dai pm di Roma”

next