Abbiamo imparato ad accontentarci di una cena delivery in videochiamata con amici e persone care. Temporeggiamo a rientrare nei musei godendoci visite virtuali davanti a uno schermo. Ci avventuriamo mascherati e igienizzati a dovere nelle librerie aperte anche in zona rossa pur di viaggiare almeno con la mente tra le pagine di un libro. Ma c’è qualcosa che niente può sopperire. E questo “qualcosa” sono i concerti e gli spettacoli dal vivo. Non c’è Sanremo, trasmissione virtuale, disco in streaming, impianto audio di ultima generazione che tenga. La sensazione che regala un evento dal vivo è irripetibile, imparagonabile, insostituibile. Quando torneremo sotto a un palco? Non è dato saperlo, almeno in Italia. Di certo non questa estate a quanto pare. Almeno in Italia. Perché in altre parti d’Europa, e nemmeno troppo lontano da noi, le cose sembrano andare in tutt’altra direzione. O, quanto meno, si sta materialmente facendo di tutto affinché questo accada. In tempi rapidi e in tutta sicurezza. Succede in Olanda, ma anche in Spagna e Inghilterra. Nazioni non propriamente Covid-free, insomma. Come è possibile? Perché altrove si sperimentano concerti anche a pandemia in corso e in Italia no?

“Back to Live” in Olanda
Pioniere fu il test musico-scientifico dello scorso dicembre a Barcellona: 463 persone in un locale chiuso, l’Apolo, con tampone rapido (negativo, pena l’accesso negato), mascherine FFp2 ma senza distanziamento. Risultato: nessun contagiato.
L’esperimento riuscito non ha lasciato indifferenti le orecchie più attente del mondo musicale europeo, e così in Olanda lo scorso 20 marzo è andata in scena la “seconda”. Questa volta teatro dell’esperimento – denominato “Back to live” e voluto come in Spagna congiuntamente da operatori musicali e governo – è stato il festival Lowlands di Biddinghuizen, evento con cadenza annuale e partecipazione media di circa 50 mila spettatori. Un doveroso inciso: in Olanda bar e ristoranti sono chiusi da ottobre, tutte le attività ritenute non essenziali sono ferme dallo scorso 15 novembre e da gennaio è stato imposto il coprifuoco dalle 21 all’alba. Le scuole sono semi-aperte, con solo parte degli studenti in presenza in aula. Tutto questo per dire che non siamo esattamente in Nuova Zelanda, nazione a contagio ormai quasi azzerato dove lo scorso 18 gennaio migliaia di persone hanno potuto partecipare al concerto all’aperto dei Six60. Sudati, ammassati e incasinati come se fosse un 2019 qualsiasi. Torniamo dunque al Lowlands festival. Come è stato possibile organizzare il concerto con l’emergenza sanitaria in corso? Due parole magiche: tamponi e tracciamento. Innanzitutto il numero dei partecipanti è stato ridimensionato a 1500 spettatori. Per poter avere accesso all’evento tutti hanno dovuto sottoporsi a un tampone antigenico 48 ore prima del concerto, mentre il giorno stesso sono stati fatti 150 tamponi rapidi a campione: 26 potenziali spettatori sono così stati fermati ai cancelli d’ingresso, in quanto il test rapido è risultato positivo. Una volta entrati nell’area concerti gli spettatori sono stati divisi in tre macrogruppi che potevano muoversi con diverse modalità (compresa l’assenza di mascherina) e tutti hanno dovuto indossare un localizzatore e scaricare un’app capace di tracciare e monitorare i loro movimenti e soprattutto i loro contatti durante l’evento. Non era invece richiesto nessun distanziamento. Tutti gli spettatori presenti sono stati nuovamente sottoposti a tampone antigenico il 25 e il 26 marzo, e nelle prossime settimane verranno resi noti i risultati clinici dell’esperimento. Le stesse regole sono state applicate sabato 27 marzo durante la partita della nazionale olandese contro la Lettonia valida per le qualificazioni ai prossimi Mondiali: 5000 tifosi, seguendo le medesime procedure adottate al Lowlands, hanno potuto accedere alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam e tornare così allo stadio, come avevano già fatto altri 1300 supporter nei giorni scorsi per altre due partite di calcio di seconda divisione sempre in Olanda, a Nijmegen e Almere. La combinazione test-tracciamenti è dunque la chiave capace di riaprire la porta di stadi, arene, teatri e palazzetti dello sport? Per Andreas Voss di Fieldlab Events, la società che ha materialmente organizzato l’operazione olandese “Back to Live”, la risposta è sì: “Queste misure ci danno l’opportunità di fare più cose – ha dichiarato – anche prima del raggiungimento dell’immunità di gregge attraverso i vaccini.”

Concerti dal vivo: in Olanda, Spagna e Gran Bretagna si fanno (con pandemia in corso ma in sicurezza). E da noi?

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vi racconto Disfunzioni Musicali, negozio di dischi e vera istituzione che ora non c’è più

next
Articolo Successivo

Com’è diventato Pete Doherty. Con amore, storia di un 42enne che è stato (e forse è ancora) una vera rockstar

next