Nessun contagiato. Ovvero: fare cultura al tempo del Covid è possibile e persino non rischioso. Basta predisporre le giuste condizioni, ovviamente. A dirlo sono i risultati del trial clinico PRIMA-CoV a Barcellona, vale a dire l’evento pilota organizzato lo scorso 12 dicembre nella storica sala concerti Apolo per verificare da una parte l’efficacia dei test rapidi e dall’altra, soprattutto, l’effettivo rischio di contagio da Covid19 che comporta un evento in uno spazio chiuso.

Ebbene, i risultati aprono uno spiraglio di luce all’alba del Veglione di Capodanno più morigerato di sempre: nessuno dei 463 spettatori del concerto tenutosi all’Apolo ha contratto il coronavirus.

Certo, non è stato un evento stravissuto e straviziato come quelli a cui eravamo abituati pre-pandemia, ma il dato è assai rincuorante se si pensa da un lato a un settore letteralmente in ginocchio e dall’altro al bisogno che ognuno di noi sente di ritornare a quel sano e vitale svago essenziale alle nostre vite.

Sono entrate 463 persone quella sera alla sala Apolo, che è omologata per un massimo di 900 presenti. Qualche ora prima dell’ingresso, sono state sottoposte a un test antigenico rapido la cui negatività ha staccato il loro lasciapassare. Hanno assistito a un concerto-dj set indossando una mascherina FFP2, fumando in apposite zone all’aperto con accesso contingentato, consumando bevande al bar e cantando e ballando senza dover mantenere alcun distanziamento sociale.

Il giorno dopo l’evento, un tampone naso-faringeo ha convalidato la veridicità dell’esito negativo dei test antigenici rapidi pre-evento mentre otto giorni dopo il concerto le 463 stesse persone sono state sottoposte a un nuovo test, che è risultato per tutti negativo. Gli spettatori (volontari) avevano un’età compresa tra i 18 e i 59 anni, nessuna malattia cronica, non convivevano con persone anziane e non erano risultate positive al Covid nei 14 giorni precedenti all’evento.

A decretare il felice esito dell’esperimento sono il dottor Josep Maria Llibre e il dottor Boris Revollo, responsabili dello studio clinico denominato PRIMA-CoV sostenuto dal festival Primavera Sound, dalla Fundación Lucha contra el Sida y las Enfermedades Infecciosas (Fondazione per la lotta contro l’Aids e le malattie trasmissibili) e dall’ospedale universitario Germans Trias i Pujol (Can Ruti): “Lo studio permette di dichiarare che un evento che si svolge con queste stesse condizioni è sicuro”.

Rincuoranti anche le conferme sull’efficacia dei test antigenici rapidi, altro obiettivo dello screening: oltre alle 463 persone entrate al concerto, è stato infatti testato un altro gruppo-campione di 496 persone che però non ha preso parte all’evento. Di queste – che, ripetiamo, non sono entrate nella sala Apolo – solo due sono poi risultate positive al tampone naso faringeo di conferma.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Joyello Triolo, nove dischi del 2020 sotto l’albero

next
Articolo Successivo

“S-concerto di Capodanno”, Paolo Rossi in diretta dal teatro Miela di Trieste con uno spettacolo bizzarro tra musica e parole

next