Un maxi-concerto dal vivo. Anzi, più di uno. I primi dall’inizio della pandemia. È quanto è stato organizzato in Nuova Zelanda la scorsa settimana. Nessuna mascherina obbligatoria, né distanziamento, ma solo l’invito a “tenere acceso” il Bluetooth per permettere l’utilizzo dell’app di tracciamento per il Covid. A salire sul palco la band Six60 che ha fatto il pieno di spettatori: oltre 20mila persone si sono radunate a Waitangi la scorsa settimana, e altrettante hanno accolto la band alla Baia di Hawke, questo weekend. La Nuova Zelanda si è dichiarata a dicembre “covid-Free”. Una situazione che ha parmesso di abolire l’obbligo di distanziamento sociale, lasciando solo la “raccomandazione”, ma non l’obbligo, all’uso della mascherina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davos, Xi Jinping rivolto agli Usa: “Basta isolazionismi arroganti. Via le barriere commerciali”

next
Articolo Successivo

Inghilterra, demolita la torre della centrale elettrica: così l’edificio collassa su se stesso. Il video dell’esplosione controllata è spettacolare

next