La scuola da oggi ha un alleato: la prima piattaforma didattica per la cittadinanza digitale. A realizzarla è “Parole O_Stili” che con il ministero dell’Istruzione festeggia il quarto compleanno del “Manifesto della comunicazione”.

Nella sua versione beta, #AncheIoInsegno, è una sorta di database, organizzata con filtri di ricerca e in continuo aggiornamento, pronta a soddisfare le necessità didattiche di tutti quegli educatori, insegnanti e genitori che vogliono affrontare in classe o a casa temi come bullismo e cyberbullismo, rischi e opportunità della Rete, diritti e doveri online, fake news, hate speech, web reputation, revenge porn, e moltissimi altri argomenti.

Una risposta concreta per i 170mila docenti italiani che già fanno parte della community di “Parole O_Stili” che da anni lavorano su questi temi grazie proprio all’impegno dei promotori del Manifesto per un uso consapevole del Web. E a lanciare una proposta al nuovo Governo è proprio la presidente Rosy Russo: “Serve introdurre un’ora di cittadinanza digitale a settimana in tutte le scuole”.

Un appello rivolto al nuovo ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi per andare incontro alle esigenze dei ragazzi. Secondo quanto emerso dal “Rapporto giovani 2021” realizzato dall’Istituto “Toniolo”, infatti, tra le “mancanze scolastiche” c’è l’incapacità di esprimere una visione positiva della vita e di se stessi e l’incapacità di essere leader.

“Quest’anno abbiamo deciso di festeggiare regalando noi qualcosa alla nostra community – spiega dichiara Rosy Russo -. Abbiamo voluto sostenere tutti i docenti aiutandoli a dare alle nuove generazioni gli strumenti adeguati per vivere la Rete. Siamo sempre più convinti che l’educazione sia l’unica risposta per affrontare le sfide poste dal web. L’istruzione deve essere una priorità del nostro Paese, motivo per cui ho accolto con grande piacere il richiamo del presidente del Consiglio Mario Draghi sulle urgenze che il nuovo governo dovrà affrontare. In questo percorso di cambiamento che ci attende, “Parole O_stili” è pronta a fare la sua parte”.

Un percorso che prevede un progetto didattico smart dedicato alle classi della secondaria e che coinvolgerà anche tre volti noti tra i più giovani: la youtuber Sofia Viscardi e i cantanti Coma_Cose, prossimi partecipanti a Sanremo 2021. Il progetto culminerà con un evento live il prossimo 24 febbraio alle 10 sul canale YouTube di “Parole O_Stili” e con la presenza di migliaia di studenti. Intanto oggi a partire dalle 11 si terrà una vera “festa diffusa” fatta di momenti in diretta.

Alle 15 per “La ricetta per stare in Rete” dieci big del food faranno un dialogo non ostile moderato da Nicoletta Polliotto con la presenza tra gli altri di Francesco Farinetti, dello chef stellato Filippo Saporito e della food blogger Vatinee Suvimol. Il terzo appuntamento della giornata alle 17 è con Giovanni Grandi, professore all’Università di Trieste e autore del libro “Virtuale è reale”, dedicato ai dieci principi del Manifesto della comunicazione non ostile, che leggerà e approfondirà il primo capitolo insieme a Marianna Marcucci, esperta di digital marketing culturale.

Infine, in chiusura, alle 19 su Instagram si terrà una diretta sul canale di IgersItalia per parlare di ostilità anche nelle immagini. L’iniziativa più importante però sarà con tutti gli utenti della Rete, i quali verranno invitati a colorare la Rete di giallo (colore simbolo dell’associazione), condividendo ognuno con il proprio estro, uno o più principi del Manifesto.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La politica ha saputo fronteggiare l’emergenza a scuola. Non si può dire lo stesso dei dirigenti

next