Due risse distinte tra minorenni sul lungomare di Napoli, mentre a Formia, in provincia di Latina, un’altra lite fra ragazzini è finita con la morte di un giovane dopo essere stato accoltellato. Sono ben tre le maxi-risse avvenute oggi tra il capoluogo campano e il litorale laziale, tutte scatenate da gruppi di minorenni che hanno creato il panico nella zona.

Formia, morto uno dei ragazzi coinvolti nella lite
Un 17enne è morto accoltellato durante una rissa a Formia. Dalle prime informazioni sembra che la lite sia scoppiata fra alcuni giovanissimi, probabilmente minorenni. Sul posto sono intervenuti polizia e Carabinieri, con il commissariato locale che sta indagando per cercare di capire cosa sia realmente successo. Da una prima ricostruzione degli investigatori, sembra che la rissa, avvenuta intorno alle 20 nel centro del paese, sia scoppiata fra due gruppi di ragazzi: uno della zona e l’altro che probabilmente veniva da fuori. Erano almeno dieci i giovani coinvolti e oltre alla vittima c’è un altro ragazzo ferito che non è comunque in pericolo di vita.

Napoli, due risse distinte sul lungomare
Un 16enne è stato ferito ad una mano con un’arma da taglio in una rissa tra ragazzini avvenuta in via Partenope, sul lungomare di Napoli. Il minorenne è stato medicato in ospedale e per lui è stata disposta una prognosi di 8 giorni. I clienti che erano nei locali della zona e in strada sono fuggiti spaventati. La notizia della rissa, diffusa dalla Confesercenti che parla di gravi danni per l’economia e riferisce anche di un’aggressione a un automezzo del 118, è stata confermata dalla polizia.

Il fatto, si apprende, è avvenuto in due momenti distinti. Confesercenti e Fiepet Napoli condannano l’episodio e lamentano “le gravi ripercussioni sulle attività commerciali della zona”. Con due lettere firmate dai presidenti di Confesercenti Napoli, Vincenzo Schiavo, e Fiepet Napoli, Antonio Viola e del vicepresidente Fiepet, Roberto Biscardi, è stato chiesto un incontro urgente sia al prefetto, Marco Valentini, che al questore, Alessandro Giuliano. “Segnaliamo che una banda di ragazzini ha scatenato una rissa e ha aggredito un automezzo del 118 in via Partenope – si legge nella missiva – e che questi delinquenti erano sprovvisti delle mascherine. Gli esercizi pubblici del lungomare non possono subire ulteriori danni oltre a quelli che li hanno già messi in ginocchio, per cui richiediamo ancora maggiore vigilanza e presenza. Ai nostri occhi lo Stato è assente, la città pare abbandonata al suo destino. Non è possibile che sul posto ci siano appena due volanti della polizia. È l’ultimo giorno di Carnevale, c’è il sole, è festa, era assolutamente scontato un assembramento di persone. I protagonisti di questa rissa sono delinquenti, gentaglia senza rispetto degli altri e della città. A pagare purtroppo sono sempre i ristoratori, già sommersi dai debiti, già vessati da un anno di Covid e dalle mille restrizioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contagi troppo alti e rischio varianti, chiusi i confini della provincia di Ancona e quattro mini-zone rosse in Lombardia: anche Bollate

next
Articolo Successivo

Lombardia, sulle ambulanze due operatori anziché tre: sindacati in rivolta contro la Regione. “A rischio sicurezza e posti di lavoro”

next