“Non dimenticateci”. È l’sos lanciato dai lavoratori di Air Italy a un anno esatto dalla messa in liquidazione della compagnia aerea con quartier generale all’aeroporto “Costa Smeralda” di Olbia. Oggi una piccola delegazione di lavoratori aderenti al sindacato autonomo Confael è sbarcata a Roma per essere ricevuta al ministero dello Sviluppo economico.

“Siamo qui per proporre non l’estensione degli ammortizzatori sociali, quanto un reale reimpiego”, spiega Mario Clemente, segretario nazionale trasporto aereo Confael. Sindacati ed ex dipendenti guardano con favore alle ipotesi di acquisizione del vettore ma lamentano di non conoscerne i dettagli. “È notizia di pochissimi giorni fa – prosegue Clemente – che Air Italy ha ricevuto una manifestazione d’interesse da parte di un importante fondo che dà sicuramente speranza a 1500 famiglie che attualmente sono senza lavoro”. Racconta Gianmarco Franconetti, tecnico aeronautico, ora in attesa di conoscere il proprio destino: “Parliamo di una cassa integrazione di 800 euro”. Piloti e tecnici poi devono far fronte alle spese di mantenimento dei brevetti, che ricorda un pilota presente alla manifestazione: “Costano e sono totalmente sulle nostre spalle”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider, bocciato il ricorso contro Deliveroo. L’azienda esulta: “Il nostro contratto è valido”. Ma la Cgil: “Giudice non entra nel merito”

next
Articolo Successivo

Scivola sulla neve e precipita nell’orrido di Pré-Saint-Didier, inutili i soccorsi per un operaio

next