Quasi 300mila studenti delle scuole superiori tornano in aula. Un rientro che in quasi tutte le città è al 50% ma che offre la possibilità ai ragazzi di rivedersi, seppur a turno. Le scuole secondarie di secondo grado riaprono in quattro nuove regioni mentre in altre 8 è tutto rinviato all’1 febbraio. Le restanti regioni, invece, hanno già riaccolto i ragazzi chi l’11 gennaio scorso chi il 18. A permettere agli studenti di tornare tra i banchi, in alcuni casi, sono state le sentenze dei tribunali amministrativi mentre in altre situazioni sono prevalse le ordinanze dei governatori che ormai, per quanto riguarda l’istruzione, non tengono più di tanto in considerazione le indicazioni dei Dpcm. Il provvedimento firmato da Giuseppe Conte prevedeva la possibilità di aumentare la frequenza fino al 75% ma pochi territori adotteranno questa percentuale. Oggi sarà anche un giorno di proteste: l’onda delle occupazioni studentesche partita da Milano nei giorni scorsi è arrivata a Roma, dove sabato i ragazzi hanno occupato il liceo classico Kant. Ad alzare la voce non sono solo i giovani: in giornata il movimento Priorità alla scuola con i Cobas, Flc Cgil, Uil Scuola, Rifondazione Comunista e Potere al Popolo organizzeranno sit-in in venti città e un presidio davanti al ministero dell’Istruzione a partire dalle 16. Ecco la mappa regione per regione dei rientri.

Chi rientra oggi

Lombardia – Si passa da zona rossa ad arancione perciò rientrano a scuola gli studenti (200mila) di seconda e terza media e delle superiori, fino ad oggi in didattica a distanza. Unica eccezione la potranno fare alcune scuole di Milano: il prefetto visto il ridotto margine di preavviso ha concesso ai presidi di riaprire da martedì. Ad agevolare il traffico dei ragazzi il Comune di Milano ha previsto con un’ordinanza l’apertura di uffici e negozi alle 10.

Marche – Il rientro per le superiori era inizialmente previsto l’1 febbraio, ma il governatore ha emesso una nuova ordinanza che prevede il ritorno a scuola di 36mila ragazzi il 25 gennaio. Il provvedimento del 5 gennaio scorso è stato revocato.

Umbria – Da oggi il 50% degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado (18mila) tornerà a svolgere l’attività scolastica in presenza.

Liguria – Sono 31mila gli studenti delle superiori che tornano in classe. Il presidente Giovanni Toti, in accordo con il Tar, ha deciso di far rientrare a scuola fino al 50% i ragazzi. Nelle prossime settimane valuterà se portare la percentuale di popolazione studentesca al 75%.

Chi resta a casa

Veneto – Il Tar del Veneto ha respinto l’istanza di sospensiva presentata da 17 genitori contro l’ordinanza del presidente Luca Zaia. Le superiori restano pertanto in dad fino al 31 gennaio anche se in settimana potrebbe arrivare un ulteriore pronunciamento del tribunale amministrativo regionale al quale si stanno rivolgendo il gruppo di genitori.

Friuli Venezia Giulia – Nonostante la battaglia dei genitori e il pronunciamento del Tar a loro favore, le superiori sono ancora a casa fino al 31 gennaio. Così ha deciso il presidente Massimiliano Fedriga.

Sicilia – La regione resta in zona rossa perciò rispetta il Dpcm del 14 gennaio che prevede la didattica a distanza dalla seconda media.

Sardegna – Per le secondarie di secondo grado il rientro è previsto il primo febbraio.

Basilicata – Per le scuole superiori la didattica a distanza resterà obbligatoria fino a fine mese.

Calabria – Le superiori fino al 31 gennaio continueranno a fare lezioni online.

Puglia – L’ordinanza regionale del 22 gennaio prevede che dal primo al 6 febbraio gli studenti delle scuole superiori pugliesi potranno tornare a seguire in presenza le lezioni scolastiche nel limite del 50%. Dovrà essere garantita la didattica digitale integrata per tutti gli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta. Anche per il primo ciclo di istruzione dal 25 gennaio si può continuare a richiedere la didattica didattica digitale integrata.

Campania – Dal 21 gennaio sono tornati in classe gli alunni di quarta e quinta elementare. Le scuole secondarie di primo grado riprendono l’attività didattica in presenza da oggi mentre le secondarie di secondo grado andranno a scuola in presenza dal primo febbraio. Un rientro ancora problematico in Campania perché molti dirigenti segnalano la mancanza di spazi e persino di docenti. Da segnalare l’eccezione del comune di Nusco dove il sindaco Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio, tre volte ministro, segretario nazionale della Democrazia cristiana e deputato dal 1963 al 1994, prossimo al compimento dei 93 anni, ha deciso di “procrastinare la riapertura delle scuole, almeno fino a quando l’Azienda Sanitaria Locale non avrà terminato gli screening sui contatti avuti da coloro i quali sono risultati positivi nei giorni scorsi”.

Chi ha già riaperto

Emilia Romagna – Le superiori sono tornate in classe dal 18 gennaio. Il Tar ha infatti sospeso l’ordinanza regionale che aveva previsto le lezioni da remoto fino al 25 gennaio. L’attività didattica in presenza delle secondarie di secondo grado proseguirà al 50% fino al 6 febbraio, così come chiarito dall’Usr.

Bolzano – La Provincia autonoma è in zona rossa, ma la scuola resta in presenza per decisione delle autorità locali.

Molise – Gli studenti delle superiori sono rientrati a scuola lunedì scorso.

Piemonte – Anche la regione governata da Alberto Cirio ha riaperto le scuole secondarie di secondo grado in presenza dal 18 gennaio.

Lazio – I ragazzi delle superiori sono rientrati al 50% lo scorso 18 gennaio. Qui va segnalato il fatto che la campagna per effettuare i tamponi dedicata agli studenti non sta avendo particolare partecipazione.

Toscana, Trentino, Abruzzo, Valle d’Aosta – In queste quattro realtà le secondarie di secondo grado hanno riaperto l’11 gennaio. E proprio dalla Toscana il presidente Eugenio Giani ha fatto sapere che dopo due settimane non c’è stata alcuna variazione nei contagi, nonostante il ritorno in classe.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Maturità, non ci sono gli spazi? Facciamola all’Ariston

next