Sono tornati in classe questa mattina gli studenti del liceo classico ‘Alessandro Manzoni‘ di Milano, uno degli istituti che nelle scorse settimane aveva protestato di più proprio per chiedere un rientro in presenza in sicurezza. Con il passaggio in zona arancione anche in Lombardia le scuole superiori hanno ricominciato con la didattica in presenza al 50%, anche se molte scuole hanno deciso di prendersi ancora qualche giorno per organizzare al meglio la riapertura.

La prima campanella è suonata alle ore 8 per le classi della scuola milanese. “Siamo contenti di tornare anche se siamo pieni di compiti in classe e interrogazioni”, confessano gli studenti all’ingresso. Molti professori infatti, dicono, hanno accelerato per la paura di ritornare in didattica a distanza. “Tornare è tutta un’altra cosa, a casa ci stavamo perdendo – raccontano gli studenti – Speriamo sia un rientro in sicurezza perché vogliamo terminare l’anno a scuola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinque anni senza Giulio Regeni, tra depistaggi, menzogne e tentativi di oblio: c’è un pezzo di verità grazie all’attenzione della società civile

next
Articolo Successivo

Vaccini, “nel contratto firmato dall’Ue con Pfizer le penali in caso di ritardo scattano solo a fine trimestre (e non sono automatiche)”

next