L’algoritmo ‘Frank‘ utilizzato da Deliveroo per valutare i rider è “discriminatorio”. A pochi giorni dalla sentenza della sezione Lavoro del Tribunale di Bologna del 31 dicembre, che ha accolto un ricorso presentato congiuntamente dai sindacati Nidil Cgil, Filcams Cgil e Filt Cgil, il sindacato Riders Union di Bologna commenta la decisione del Tribunale. “È una sentenza storica”, spiega Tommaso Falci, ricordando le lotte dei riders per veder riconosciuti i propri diritti, pari, spiega “a quelli della subordinazione”. “È un tassello in più nella lotta dei lavoratori contro le multinazionali – sottolinea – E poi non riguarda un solo lavoratore ma tutti i riders. Per questo è ancora più importante”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musei civici di Venezia prolungano la chiusura al 1 aprile. In cassa integrazione 390 lavoratori. Sindacati: “Grave e incomprensibile”

next