Potranno tornare in Italia alcuni degli oltre 200 connazionali che da domenica si trovano bloccati a Londra dopo l’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza che fino al 6 gennaio blocca i collegamenti tra Italia e Regno Unito. La decisione è arrivata dopo un vertice alla Farnesina con i ministeri della Salute e dei Trasporti, dove è stato deciso che coloro che sono residenti in Italia o in condizioni di criticità e urgenza saranno rimpatriati. Per chi invece risiede in casa in Gran Bretagna, non ci sarà, almeno per ora, alcuna possibilità di ritorno.

A confermare il tutto sono fonti del ministero degli Esteri e il vice ministro alla Salute, Pier Paolo Sileri, che sta seguendo la questione. Il rientro, infatti, coinvolge anche il dicastero di Speranza: una volta atterrati in Italia, le persone partite dal Regno Unito dovranno fare una quarantena di quattordici giorni. Non solo: il tampone sarà obbligatorio prima e dopo la partenza. Non è ancora chiaro però quando potranno imbarcarsi per tornare a casa.

Una notizia che non è ancora stata recepita dall’Ambasciata e dal Consolato italiano a Londra che su Facebook non danno alcun aggiornamento in merito. Nemmeno Alitalia è stata finora contattata dal governo: “Da parte nostra – dichiarano gli uffici della compagnia di bandiera – c’è la piena disponibilità ad organizzare i voli per il rientro. Intanto i passeggeri che dovevano partire domenica con noi hanno ricevuto tutte le informazioni utili per ottenere il rimborso totale del volo o un voucher maggiorato oppure la possibilità di riprenotare per un’altra data a partire del 7 gennaio”.

La notizia, trapelata dalla Farnesina, è già arrivata agli italiani bloccati in Gran Bretagna. Sulla pagina Facebook “Il Governo italiano ci lascia a piedi al freddo in UK”, Maria ha pubblicato la novità in arrivo che ha suscitato non poche perplessità. Elena scrive: “Doppio tampone (quindi triplo considerando quello appena fatto) e 14 giorni di quarantena, ma sono seri?”. Così Federica: “Che senso ha fare il tampone due volte se poi devi fare comunque la quarantena?”. Polemico anche Antonello Sussarellu, amministratore del gruppo social, che a fatto.it spiega: “Da domenica sono ospite da una ragazza italiana che ha casa a un’ora e mezza da Londra. Ora dove andrò a fare il tampone? Non sarà facile organizzare il tutto qui”. In attesa di buone notizie anche Chiara, veterinaria che abita in Inghilterra: “Non sappiamo ancora nulla. Stiamo aspettando che ci dicano qualcosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Al cimitero Flaminio di Roma non ci sono più posti per la cremazione: “Picco di morti, non possiamo accettarne più di 200 alla settimana”

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, ecco perché sarà l’esercito (e non Pfizer) a distribuire le prime dosi alle Regioni entro il 27 dicembre

next