Dai banchi di scuola, mai così poco frequentati come quest’anno, gli studenti italiani sono saliti in cattedra, dando i voti ai protagonisti della gestione dell’emergenza Covid-19. 5mila di loro infatti tra alunni di medie, superiori e università hanno risposto al questionario proposto da Skuola.net, giudicando la classe dirigente che ha condotto la battaglia contro il coronavirus. E non solo. Tra i gravemente bocciati spiccano la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina con il 76% di voti negativi e il ministro dell’Università Gaetano Manfredi con il 63% di voti contrari. Mentre il “primo della classe” è il premier Conte, promosso da oltre 1 studente su 2: a bocciarlo è stato infatti appena il 18% del campione, mentre per il 29% è da rimandare. L’operato dell’opposizione è stato invece bocciato dal 60% degli alunni.

Sono i sanitari a meritare le pagelle migliori: medici, infermieri e personale di supporto sono stati promossi da 9 studenti su 10 a pieni voti. Abbastanza apprezzata anche la condotta dei virologi: promossi per il 56% dei ragazzi, rimandati per il 27% e bocciati per il 18%. Meno consensi, invece, per chi l’emergenza l’ha raccontata: i giornalisti sono stati infatti promossi dal 37%, mentre il 30% li ha bocciati e il 33% rimandati. Migliore invece il giudizio per militari, poliziotti e forze dell’ordine in generale che sono stati applauditi dal 58% degli studenti. Insegnanti, presidi e più in generale scuola e università non hanno invece passato l’anno: solo il 37% dà di loro un giudizio positivo, il 35% li boccia, mentre per il 28% le strategie messe in campo sono da rivedere. I genitori passano invece la prova a pieni voti: la famiglia viene promossa da oltre 3 ragazzi su 4.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, studio dell’Ausl di Reggio Emilia: “Circola di più nelle scuole medie e superiori, il numero di casi non è trascurabile”

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, il contratto collettivo per i docenti da remoto rompe l’unità sindacale

next