“Continueremo ad applicare il sistema che prevede le regioni colorate“. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa parlando delle nuove misure per arginare l’epidemia da coronavirus. “Nel giro di un mese abbiamo piegato la curva dei contagi – spiega – Continuando in questo modo è ragionevole prevedere che tutte le regioni, nel giro di due settimane, saranno gialle“. Ma è l’arrivo delle festività natalizie a preoccupare: “Se affrontassimo con le misure delle aree gialle questo periodo sarebbe inevitabile un’impennata. Per questo sono necessarie ulteriori restrizioni per il periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio”. E conclude: “Dobbiamo scongiurare il rischio di una terza ondata che potrebbe arrivare già in gennaio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili