“Continueremo ad applicare il sistema che prevede le regioni colorate“. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa parlando delle nuove misure per arginare l’epidemia da coronavirus. “Nel giro di un mese abbiamo piegato la curva dei contagi – spiega – Continuando in questo modo è ragionevole prevedere che tutte le regioni, nel giro di due settimane, saranno gialle“. Ma è l’arrivo delle festività natalizie a preoccupare: “Se affrontassimo con le misure delle aree gialle questo periodo sarebbe inevitabile un’impennata. Per questo sono necessarie ulteriori restrizioni per il periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio”. E conclude: “Dobbiamo scongiurare il rischio di una terza ondata che potrebbe arrivare già in gennaio”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “Dispiaciuto da attacchi personali a me e alla mia compagna, le accuse sull’uso della scorta sono false e diffamatorie”

next