È partita da place de la République attorno alle 14 la “Marcia delle libertà” a Parigi, contemporaneamente a quella di Lione, Lille, Nantes, Rennes, Montpellier e almeno una decina di altre città in Francia. È la protesta contro la legge sulla “sicurezza globale” – e in particolare sull’articolo 24 che vieta di fotografare e filmare poliziotti in azione – ma anche contro le violenze della polizia negli ultimi giorni, dall’evacuazione dei migranti al pestaggio del produttore musicale nero Michel Zecler.

A Parigi, almeno 20mila agenti sono schierati a protezione di alcune strade piene di negozi e oggi affollate per il primo giorno di riapertura dopo il lockdown. La manifestazione si è svolta pacificamente fra place de la République e de Bastille, con una marcia lenta e tranquilla. Presenti anche vari deputati e rappresentanti pubblici. Nei pressi di place de la Bastille si sono verificati disordini, con scontri tra militanti antifascisti e polizia, che ha sparato gas lacrimogeni. Un gruppo di persone vestite di nero ha scandito lo slogan “Siamo tutti antifascisti”, mentre alcuni giovani hanno formato una barriera umana e lanciato oggetti contro gli agenti.

Video Twitter

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Etiopia bombarda il Tigray: l’offensiva del premier Nobel per la pace. Migliaia di morti e sfollati

next
Articolo Successivo

Tensione a Parigi, scontri tra black bloc e polizia: lancio di petardi e lacrimogeni. Il video

next