Picchiato brutalmente per 15 minuti con calci, botte e manganellate mentre quattro agenti gli gridavano insulti razzisti. Michel Zecler, un produttore discografico proprietario della società Black Gold Studios, è stato aggredito nel suo studio di registrazione a Parigi. Il filmato del pestaggio, diventato virale, è stato ripreso dalle telecamere di video sorveglianza e diffuso dal sito di informazione Loopsider. Le forze dell’ordine hanno cercato di mettere a tacere l’accaduto parlando di “atto di ribellione” dopo che all’uomo era stato chiesto di indossare la mascherina, ma le immagini hanno smentito completamente la loro ricostruzione. I quattro poliziotti sono stati sospesi e attualmente si trovano in stato di fermo e saranno interrogati nelle prossime ore. Fonti dell’Eliseo parlano di un Emmanuel Macron “furioso”. Per Le Monde, il nuovo caso di violenze della polizia “infanga la Francia”.

Zecler si trovava in strada, fuori dal suo studio di registrazione quando gli agenti lo hanno avvistato e lo hanno seguito, riuscendo a entrare nel palazzo. Lo hanno seguito nel suo ufficio, dove hanno cominciato a picchiarlo. Oltre ai colpi, la vittima è stata ricoperta di insulti razzisti, come “sporco ne*ro”. Il pestaggio si è interrotto quando dagli studi vicini sono arrivati altri ragazzi della società, che hanno sentito le grida di Zecler. Usciti dal palazzo, i poliziotti hanno costretto i giovani a seguirli in strada, dove sono accadute altre violenze, documentate dai video delle persone nei palazzi vicini. Poi hanno portato tutti al commissariato. Nel loro rapporto i 4 poliziotti dichiarano che Zecler “ci ha aggrediti e ha tentato di sottrarci l’arma“. Non sapevano di essere ripresi dalle telecamere.

Il video del pestaggio di Zecler è stato visto milioni di volte, scatenando reazioni di protesta nell’opinione pubblica. Il ministro dell’Interno Gérald Darmanin ha parlato di “atti inaccettabili”. In difesa di Zecler si sono schierati anche personaggi famosi come i calciatori Mbappé e Griezmann.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Joe Biden, la sua sarà una presidenza debole. Altro che ‘l’America è tornata’

next
Articolo Successivo

Iran, ucciso un capo del programma nucleare. Ministro Zarif: “Serie indicazioni di un ruolo di Israele”. Fu accusato da Netanyahu

next