Michelle Hunziker da anni è in prima linea per la difesa delle donne. In occasione della giornata contro la violenza delle donne che si terrà il 25 novembre, la conduttrice in una diretta Facebook de Il Fatto Quotidiano con Claudia Rossi e Andrea Conti ha raccontato la sua personale esperienza. “Anni fa sono stata vittima di stalking e ho denunciato – ha raccontato Michelle –, la polizia però aveva le mani legate perché non c’erano ancora le leggi che potessero tutelarci in tal senso. Quindi arrestavano lo stalker, lo interrogavano e poi tornava in libertà. Nel 2005 quindi sono stata costretta a prendere una guardia del corpo. Però voglio che sia chiara una cosa per tutte le donne: ricevere violenza di qualsiasi tipo che sia psicologica o fisica non è la normalità. Bisogna sempre denunciare”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reinhold Messner d’accordo con il governo: “La montagna non è solo sci, giusto tenere le piste chiuse”

next
Articolo Successivo

Michelle Hunziker a FqMagazine: “A All Together Now si vincono 50mila euro e non un contratto discografico, non ci si prende sul serio”

next