In piazza Duomo a Milano questa mattina è iniziato il servizio di vaccinazione antinfluenzale all’interno di un tendone allestito dalla protezione civile. Ma la partenza non è stata delle migliori: molte persone si sono presentate senza prenotazione, lamentando messaggi poco chiari sia da parte del Comune e dell’Ats sia da parte del loro medico curante che ha detto loro “di venire qui” ma senza avvertirli dell’appuntamento obbligatorio. Alcuni ultra-sessantacinquenni hanno quindi protestato, chiedendo di essere subito vaccinati. Presente anche la vicesindaco, Anna Scavuzzo, che ha sottolineato: “Il problema è la comunicazione errata con gli enti territoriali”. Alcuni poi hanno evidenziato il cattivo funzionamento del call-center: “Ho provato a telefonare, ma non hanno mai risposto. Così sono venuto qui”, sottolinea un signore. In piazza soprattutto soggetti fragili a cui la campagna vaccinale è specificatamente dedicata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’analisi dei dati del monitoraggio regionale: la conferenza stampa con Brusaferro, Locatelli e Rezza. Segui la diretta tv

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Galli: “Senza ‘mantenimento’ la terza ondata è scontata. Dovremmo cominciare a valutare cosa succederà a Pasqua”

next