Vittorio Sgarbi è stato espulso dalla Camera dopo che era stato ripetutamente richiamato a indossare la mascherina mentre parlava la vicepresidente Maria Edera Spadoni. In una fase concitata del dibattito, Sgarbi stava gridando senza indossare la mascherina. Appena la presidente di turno Spadoni ha espulso Sgarbi la seduta è stata sospesa. Il critico d’arte si è rifiutato di lasciare l’Aula, e nell’edificio sono scesi i deputati della Lega che gli hanno fatto da scudo creando però un assembramento al centro dell’emiciclo, suscitando le proteste della maggioranza. Per far rispettare l’ordine di espulsione sono stati quindi chiamati i commessi che però hanno prima dovuto passare a contatto con i deputati al centro dell’emiciclo e poi hanno dovuto prendere di peso Sgarbi che era sempre senza mascherina.

“Sono stato nuovamente espulso dall’aula di Montecitorio. Mi hanno ancora portato via di peso. Sia chiaro: lo faccio per tenere allenati i commessi…”, è stato il commento di Sgarbi su Twitter. Il deputato era stato cacciato dalla Camera e portato via di peso lo scorso 25 giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Italia attivabili fino a 10.300 posti in terapia intensiva, occupato il 18%. Boccia: “No polemiche, al lavoro per chi è in ospedale”

next
Articolo Successivo

Governo, Toninelli: “Con più di duecento morti al giorno Marcucci parla di rimpasto di Governo? Lasciamo perdere questo politichese”

next