Un concerto live dentro bolle di plastica, sia per gli spettatori che per i musicisti. Così una band americana, Flaming Lips, è tornata a suonare dal vivo, con una soluzione “pro-distanziamento” decisamente alternativa. Il gruppo ha suonato in un locale nella loro città, Oklahoma city. Circa un centinaio i presenti che hanno scelto di seguire il concerto racchiusi nelle palle gonfiabili a grandezza umana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J-Ax: “Non sono una ‘bimba di Conte’, altro che filogovernativo. La seconda ondata Covid? Non ci si è preparati. E la colpa non è certo dei giovani”

next
Articolo Successivo

Le Iene, Gué Pequeno: “Prima il rap era scacciafi*a. Poi le veline hanno cominciato a scopa*e i rapper…”

next