Un concerto live dentro bolle di plastica, sia per gli spettatori che per i musicisti. Così una band americana, Flaming Lips, è tornata a suonare dal vivo, con una soluzione “pro-distanziamento” decisamente alternativa. Il gruppo ha suonato in un locale nella loro città, Oklahoma city. Circa un centinaio i presenti che hanno scelto di seguire il concerto racchiusi nelle palle gonfiabili a grandezza umana.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J-Ax: “Non sono una ‘bimba di Conte’, altro che filogovernativo. La seconda ondata Covid? Non ci si è preparati. E la colpa non è certo dei giovani”

next
Articolo Successivo

Le Iene, Gué Pequeno: “Prima il rap era scacciafi*a. Poi le veline hanno cominciato a scopa*e i rapper…”

next