J-Ax, in diretta Facebook con Claudia Rossi e Andrea Conti per FqMagazine, ha spiegato il suo punto di vista sulla “responsabilità dei giovani” in questa nuova ondata pandemica che ha numeri sempre più preoccupanti: “Facciamo un passo indietro, le discoteche. È ovvio che se le discoteche sono aperte uno pensa di andarci. E facciamo finta di non sapere perché le discoteche erano aperte? O lo diciamo? Il Governo ha dato alle Regioni la possibilità di aprirle e così è stato perché quelle associazioni di categoria muovono voti. Allora i giovani che c’entrano? Anzi sono stati i vecchi a creare questo problema”. E ancora, il rapper ha aggiunto: “Su Facebook, che è la cloaca dell’umanità, dai no-vax ai terrapiattisti, ogni volta che scrivo “mettete la mascherina, siate responsabili” mi dicono “ah tu sei filogovernativo, sei amico dei grillini, di Conte”: allora facciamo che vi dico una cosa, ok che i giovani si aggregano ma i mezzi non sono stati triplicati, non è stato fatto nulla dal Governo che appoggio quando c’è un’emergenza sanitaria ma critico quando è il momento di criticare… Era stato detto dalla scienza che ci sarebbe stato un ritorno peggiore del primo, e non è stato fatto niente. Ancora oggi il lunedì devo sentire “i risultati risentono del fatto che ieri era domenica e sono stati fatti meno tamponi”, ma stiamo scherzando? Diamo la colpa a tutti e due, alla gente e a chi governa: l’italiano piuttosto muore ma a ferragosto vuole andare in vacanza, il governo non vuole spendere un euro finché non ha la certezza. Quindi no, non sono una Bimba di Conte, anche se quella pagina Facebook la guardo sempre“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J-Ax: “Trump? Ho paura che vincerà di nuovo. I democratici americani vivono in una bolla”

next
Articolo Successivo

Musicisti e spettatori sono dentro bolle di plastica: ecco il concerto live anti-Covid di una band americana – Il video

next