Un dito mozzato, un mistero e una bugia ingombrante. Così inizia il nuovo fumetto di Zerocalcare, Scheletri, uscito il 15 ottobre per Bao Publishing. Ispirato ad alcuni fatti reali e a cavallo tra oggi e vent’anni fa, il nuovo libro del fumettista romano è una storia di fantasmi e mostri, con elementi thriller. Non si tratta però di creature aliene che infestano il nostro mondo, ma dei demoni che ognuno di noi porta dentro di sé e con i quali deve convivere, cercando – quando possibile – di sconfiggerli.

Come molti fumetti di Zerocalcare, si tratta di un racconto in cui l’autobiografia e la fiction si mescolano e dove l’esperienza personale dei protagonisti diventa un modo per raccontare sogni, fallimenti e vicissitudini di un’intera generazione.

Il protagonista di Scheletri è un diciottenne – alter ego dell’autore vent’anni fa – che, invece di andare all’università come dice a sua madre, ogni mattina si reca alla metro B di Roma e trascorre lì la sua giornata, osservando i pendolari e fuggendo dal mondo. Qui incontra un ragazzo più giovane di lui, “Arloc”, con il quale condivide l’impossibilità di far fronte alle proprie ansie e il desiderio di nascondersi da tutto e tutti, nel fallimentare tentativo di lasciarsi scorrere addosso la vita, senza affrontarla. Quello tra i due è un incontro destinato a sconvolgere la monotonia del protagonista e il rapporto sarà in grado di sbloccarlo, facendolo uscire dal suo guscio di apatia. Ma ciò avverrà solo tramite una “terapia d’urto”.

L’ambientazione è Roma – o, meglio, Rebibbia (quartiere a cui l’autore è molto affezionato) – e a fare da sfondo alla narrazione ci sono situazioni e personaggi che i lettori di Zerocalcare hanno imparato a conoscere e fare propri. Ai luoghi del quartiere, le case popolari e gli amici di sempre si aggiungono però, in quello che lo stesso autore ha definito un graphic novel “più efferato del solito”, due elementi che raramente hanno caratterizzato così tanto i suoi lavori precedenti: sangue e droga. Arloc rivelerà un carattere impulsivo e a tratti violento e mostrerà al protagonista che anche lui ha i suoi demoni da affrontare, più spaventosi e difficili da sconfiggere di quelli di Zero. Il fumettista inietta così nella sua opera tinte pulp attraverso tavole che sorprendono il lettore per l’ottimo utilizzo di bianco e nero che sembra voler mettere in evidenza le scene più truculente della storia.

Una narrazione che sembra figlia di registi e scrittori cari all’autore come Quentin Tarantino e Joe R. Lansdale e che Zerocalcare utilizza sia per raccontare una periferia ai margini delle luci del centro città sia per affrontare paure più grandi e impalpabili, quelle di una generazione impreparata ad affrontare il mondo, chiusa in una bolla dalla quale è difficile uscire. Con uno sguardo rivolto al passato e soprattutto al se stesso adolescente, Zerocalcare accompagna il lettore in un racconto sulla transizione tra età (post)adolescenziale ed età adulta.

Quella di Zerocalcare non è però (solo) un romanzo di formazione, ma anche il momento per l’autore di fare i conti con se stesso, con cosa è diventato e con le decisioni, spesso difficili, che hanno condizionato la sua vita attuale. Al racconto thriller, Zerocalcare affianca tavole che riflettono sul proprio ruolo e sulla “sindrome dell’impostore” che lo caratterizza. Se anche nelle precedenti opere non mancavano riferimenti ai fumetti precedenti, al ruolo dei suoi “disegnetti” e in generale a un sentimento di inadeguatezza, in Scheletri la riflessione si fa più profonda, anche se sempre in equilibrio tra serietà e autoironia.

Non mancano i riferimenti alla cultura pop degli anni ‘80 e ‘90, cifra stilistica del fumettista. Le sale giochi in cui il lettore può riconoscere titoli come “Metal Slug” o “Street Fighter”, riferimenti a cartoni animati, film e serie tv e tutto quell’immaginario che ha plasmato un’idea – forse nostalgica – di un passato che non può tornare diventano leitmotiv di una storia di crescita. Anche se, questa volta, crescere significherà passare attraverso dolore e sangue, facendo i conti con gli “scheletri” che cerchiamo di nascondere.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enzo Mari non era solo uno dei maggiori designer italiani. Ma molto di più

next
Articolo Successivo

Calabria, il futuro dell’Abbazia di Santa Maria di Corazzo è nelle mani del ministro Franceschini

next