Con la facoltà di Veterinaria lunedì sono iniziati i test di ingresso per le università. Test che quest’anno dovranno fare i conti con modalità rinnovate per via del Covid e dell’incognita degli iscritti che si trovano in isolamento per la positività al virus o per un contatto a rischio. Un problema sollevato anche dal ministro dell’Università Gaetano Manredi in vista del maxi test per la facoltà di Medicina e Odontoiatria, giovedì 3 settembre. “Questo è un tema molto delicato dal punto di vista giuridico – ha detto a margine di Esof2020, rispondendo ai giornalisti – è all’attenzione del Governo, stiamo valutando tutte le opzioni. Facciamo domani i test per la maggioranza dei ragazzi, poi valuteremo queste situazioni particolari”.

Nessuna soluzione al momento è stata individuata: il rischio è che ripetere la prova più avanti aprirebbe la strada a una valanga di ricorsi, perché verrebbe concesso a questi ragazzi più tempo per prepararsi, seppur per motivi straordinari. Sono 66mila gli aspiranti medici che proveranno il test, ma c’è posto solo per uno su 5. A differenza degli altri anni, la sede d’esame non è quella scelta dai candidati in caso di ammissione, ma la più vicina all’indirizzo di residenza: la decisione è stata presa dal Ministero nell’ottica di limitare il più possibile gli spostamenti come ulteriore misura di sicurezza anti-Covid.

A Bologna, ad esempio, è partita una grande campagna di screening attraverso i sierologici: i primi test sono riservati ai candidati che domani sosterranno l’esame di ammissione in italiano a Medicina. Si tratta di 1.700 studenti, tutti volontari: in caso di positività agli anticorpi sarà eseguito il tampone.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, scuolabus invadono il lungomare per protestare contro le nuove linee guida: “Sarà impossibile lavorare. Serve sostegno”

next
Articolo Successivo

Graduatorie supplenze, i sindacati inviano una diffida alla Azzolina: “Errori macroscopici”. Ministero: “Ingiusto parlare di caos”

next