Per la prima volta nella storia gli scienziati sono riusciti a misurare la quantità di microplastiche presenti sotto la superficie dell’oceano Atlantico. E i risultati sono drammatici: solo nei primi 200 metri di profondità si stima che le particelle di plastica invisibili all’occhio umano siano circa 21 milioni di tonnellate. Una cifra dieci volte superiore rispetto a quello che si credeva finora e che minaccia direttamente l’uomo. Come già dimostrato in altri studi, infatti, le microplastiche arrivano tramite i pesci sulla nostra tavola, tanto che ne sono state trovate delle tracce anche nell’intestino umano.

La ricerca, coordinata da Katsiaryna Pabortsava e Richard Lampitt, del britannico National Oceanography Center (Noc), è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications. “Per determinare i pericoli della contaminazione da plastica per l’ambiente e per gli esseri umani, abbiamo bisogno di buone stime della quantità e delle caratteristiche di questo materiale, di come entra nell’oceano, di come si degrada e quindi di quanto sia tossico a queste concentrazioni”, spiega Lampitt. Lo studio, aggiunge “dimostra che finora gli scienziati hanno avuto una comprensione del tutto inadeguata anche del più semplice di questi fattori, cioè della quantità di plastica negli oceani”.

I ricercatori hanno raccolto campioni di acqua durante la 26ma spedizione Atlantic meridional transect, in 12 siti lungo un’area che si estende per 10mila chilometri da Nord a Sud nell’Oceano Atlantico. Sono andati a caccia di tre particelle specifiche: polietilene, polipropilene e polistirene, cioè le tre materie plastiche più comuni che insieme costituiscono oltre la metà dei rifiuti di plastica globali. In ciascun punto dell’oceano sono stati raccolti campioni da tre profondità: a 10 metri, 30 metri e a 100 metri. In totale sono state individuate fino a 7mila particelle di questi tre tipi di polimeri (di dimensioni comprese fra 32 e 651 milionesimi di metro) per metro cubo di acqua.

Una quantità enorme, da cui è stata tratta la stima complessiva. Secondo i due scienziati, la massa di microplastiche “invisibili” che si trova nei primi 200 metri dell’Oceano Atlantico è compresa fra 12 e 21 milioni di tonnellate. Come se non bastasse, sulla base delle tendenze di generazione dei rifiuti di plastica dal 1950 a oggi, gli autori calcolano che la quantità di plastica finita nelle acque e nei sedimenti dell’Atlantico sia compresa tra 17 e 47 milioni di tonnellate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migliaia di delfini trovati morti ogni anno sulle spiagge della Francia: ora interviene l’Ue. Sea Sheperd: “Vietare la pesca non selettiva”

next
Articolo Successivo

Regionali Toscana, le Alpi Apuane dimenticate dai programmi elettorali. Eppure le cave sono un problema – LA LETTERA

next