Dalla Riviera Romagnola, alla Sardegna, dove un’ordinanza del presidente Christian Solinas ha permesso di riaprire le discoteche con l’obbligo di mantenere un distanziamento di almeno due metri, fino a Gallipoli, centro della movida pugliese. La notte di Ferragosto la maggior parte dei club della penisola ha organizzato serate, da quella con Jimmy Sax al Praja di Gallipoli, a quella a Villa delle Rose a Riccione, fino al dj set con Andrea Damante, all’Ambra a San Teodoro. Nonostante l’invito a mantenere le distanze e ad indossare sempre le mascherine, visti i numeri in aumento dei contagi da coronavirus, e visto che proprio i locali notturni si sono rivelati spesso cluster di diffusione dell’epidemia, in molti non hanno portato il dispositivo di protezione, oppure lo hanno tenuto appoggiato sul mento, creando diversi assembramenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Notte di Ferragosto a Gallipoli, la discoteca è piena: il locale ricorda di indossare la mascherina ma quasi nessuno lo fa (o la porta abbassata)

next
Articolo Successivo

Due positivi al Covid-19 sul set di “Natale su Marte”: Christian De Sica e Massimo Boldi costretti a interrompere le riprese

next