“Anche io ho una partita Iva ma mai mi sarei sognata di chiedere il Bonus. Sono sicura che mi avrebbero insultata, quindi non ho nemmeno preso in considerazione questa possibilità”. Così Claudia Terzi, assessora lombarda alle Infrastrutture in quota Lega, commenta il caso dei politici che hanno chiesto e in molti casi ricevuto i 600 euro per i lavoratori autonomi previsti durante l’emergenza Covid dal Governo. La Terzi sottolinea di aver chiesto i nomi a Roma, ma di non averne ancora ricevuto nessuno. “La richiesta (del bonus ndr.) è sicuramente inopportuna, anche se legale – dice ancora – Chi lo ha preso dovrebbe fare un gesto importante. Le dimissioni sono troppo, forse basterebbe una sospensione, anche perché altrimenti bisognerebbe aprire una discussione su tutti gli indagati in politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tridico parlerà alla Camera venerdì 14 agosto sul caso bonus 600 euro. Fico: “E’ la sede opportuna, i deputati potranno fare domande”

next