Sul caso dei politici – in particolare, deputati, consiglieri e assessori regionali – che hanno chiesto e ottenuto il bonus da 600 euro (poi alzato a mille euro) destinato alle partite Iva e agli autonomi nei mesi di marzo e aprile in piena emergenza coronavirus, è caccia ai nominativi, al momento ancora non resi pubblici. Mentre ci sono sospetti su due parlamentari della Lega e uno del M5s, il direttore de IlFattoQuotidiano.it, Peter Gomez, ha analizzato la vicenda: “È giusto conoscere i loro nomi perché i cittadini devono poter esercitare il diritto di voto al meglio. Questi deputati sono senza cuore e senza senso civico“. Ecco il suo intervento nel corso della diretta Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus 600 euro, superate le 70mila firme per la petizione de Il Fatto Quotidiano: fuori i nomi dei politici che lo hanno chiesto

next
Articolo Successivo

M5s e Pd in Sardegna hanno trovato l’accordo sul candidato per le suppletive del Senato

next