Sul caso dei politici – in particolare, deputati, consiglieri e assessori regionali – che hanno chiesto e ottenuto il bonus da 600 euro (poi alzato a mille euro) destinato alle partite Iva e agli autonomi nei mesi di marzo e aprile in piena emergenza coronavirus, è caccia ai nominativi, al momento ancora non resi pubblici. Mentre ci sono sospetti su due parlamentari della Lega e uno del M5s, il direttore de IlFattoQuotidiano.it, Peter Gomez, ha analizzato la vicenda: “È giusto conoscere i loro nomi perché i cittadini devono poter esercitare il diritto di voto al meglio. Questi deputati sono senza cuore e senza senso civico“. Ecco il suo intervento nel corso della diretta Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus 600 euro, superate le 70mila firme per la petizione de Il Fatto Quotidiano: fuori i nomi dei politici che lo hanno chiesto

next
Articolo Successivo

M5s e Pd in Sardegna hanno trovato l’accordo sul candidato per le suppletive del Senato

next