Non è stato un gesto molto rispettoso, ma Napoli, come il resto d’Italia, ha risposto in massa e anche la gente non l’ha trovato un accostamento educato. Mi avrebbe fatto piacere se il post fosse stato tolto”. Così, ai microfoni dei “Barba&Capelli”, su Radio Crc, Paola De Crescenzo, figlia dello scrittore scomparso un anno fa, ha commentato il manifesto pubblicato su Facebook da Severino Nappi, candidato della Lega con Stefano Caldoro per le elezioni regionali campane. Sull’immagine, ancora online sulla pagina dell’ex vice-coordinatore regionale di Forza Italia, da poco passato al Carroccio, campeggiano il volto di Luciano De Crescenzo, associato al simbolo della Lega e al logo “Prima gli italiani”, il che ha scatenato rabbia e polemiche sui social.

A riguardo, Paola De Crescenzo, che a Severino Nappi ha chiesto invano la rimozione del manifesto, menziona la celebre risposta che nel 1996 il padre diede all’Adnkronos (“Mi sento più vicino al centrodestra o al centrosinistra? Mi piace di più il centro storico. L’unica cosa che invidio ai parlamentari è il permesso per entrare liberamente con l’auto nel cuore di Roma. Non avrei quindi dubbi a schierarmi, se ci fosse, con il partito del centro storico“).
E cita anche due articoli scritti dal padre, contenuti nel libro “Accadde domani – Scritti quasi profetici” (ed. Mondadori), la raccolta postuma dello scrittore in uscita nelle librerie proprio in questi giorni: “Mio padre in due articoli, “E ora mi piace anche l’inno di Mameli” e “Destra e sinistra, parole d’archivio”, parla proprio della Lega, sempre in modo divertente. E scrive: ‘Allo stato dei fatti quando qualcuno mi chiede se sono di destra o di sinistra, non so mai cosa rispondere. Mi viene voglia di dire che sono ingegnere‘”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Scellerato chi si toglie la mascherina per farsi pubblicità”. Zingaretti contro Salvini e i negazionisti del virus. Il leghista replica

next
Articolo Successivo

Giuseppe Conte contro Matteo Salvini: “Crea sfiducia, lavora contro interesse nazionale”

next