Tornano a manifestare gli operai della Whirlpool di Napoli. L’azienda americana chiuderà lo stabilimento il prossimo ottobre, nonostante gli accordi presi con il Governo. Oggi i lavoratori hanno protestato davanti la sede del consolato statunitense. Al fianco degli operai di Napoli anche i colleghi degli altri siti italiani.

Italia Orofino, una delle lavoratrici di Napoli ha raccontato la sua vicenda personale, che è quella di tanti altri lavoratori, tutti accomunati dallo stesso destino: “Questa azienda, questo lavoro è la nostra storia, la storia dei nostri genitori che lavoravano lì. Io vivo quella fabbrica da quando avevo 2 anni, chiuderla è come toglierci la nostra identità”.

Al tavolo del 31 luglio, al ministero dello Sviluppo economico, insieme con i vertici di Whirlpool e Invitalia, i sindacati chiederanno al Governo di “schierarsi al fianco dei lavoratori e di varare provvedimenti concreti in grado di influenzare la multinazionale”, nel frattempo hanno indetto 4 ore di sciopero e il blocco degli straordinari a tempo indeterminato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Università, le barriere invisibili che bloccano la carriera accademica al femminile. Solo un docente ogni quattro è donna

next