E’ stata una giornata tremenda… Mentre ero in un meeting, la mia cagnolina ha avuto delle crisi epilettiche, abbiamo dovuto portarla dal veterinario… Abbiamo scoperto che ha un tumore. Ora si è stabilizzata, ma ho avuto paura di perderla oggi”. Tra le lacrime Chiara Ferragni racconta così quanto successo lunedì, quando la sua Matilda, il bulldog francese che vive con lei da quasi dieci anni, è stata male e dopo la corsa dal veterinario si è scoperto che ha un tumore.

L’influencer chiede poi ai fan di sostenerla in questi momenti difficili, mandando a lei e a Matilda delle “positive vibes”. Dopo qualche ora, assieme a Fedez, aggiorna i follower sulla situazione: “È ricoverata dal nostro veterinario in modo da essere controllata 24 ore su 24 per eventuali altre crisi epilettiche e capire il dosaggio perfetto per lei delle medicine anti-epilettiche. Mercoledì speriamo possa tornare a casa e poi comincerà le sessioni di radioterapia sperando che il tumore non aumenti di taglia. Purtroppo, abbiamo scoperto che questo tipo di tumore è molto frequente nei Bulldog francesi come lei. Tenetela nei vostri pensieri che la vogliamo con noi ancora tanti anni”.

Al che Fedez cerca di consolare la moglie: “Vediamo il bicchiere mezzo pieno: c’è ancora speranza. Ha un brutto male, ma è curabile. Dita incrociate. Date un po’ di supporto a questa patatina che è triste”. Dopo lo sfogo, Chiara Ferragni ha postato una foto in compagnia di Matilda, accompagnata dalla didascalia: “Sei la più forte e ti auguriamo il meglio. Supererai anche questa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ornella Muti e Naike Rivelli in caserma dai carabinieri: “I figli non si toccano, cara Barbara D’Urso”

next
Articolo Successivo

Torna il Pulcino Pio e “ha grandi progetti”. Non potete crederci? Nemmeno noi

next