E’ stata una giornata tremenda… Mentre ero in un meeting, la mia cagnolina ha avuto delle crisi epilettiche, abbiamo dovuto portarla dal veterinario… Abbiamo scoperto che ha un tumore. Ora si è stabilizzata, ma ho avuto paura di perderla oggi”. Tra le lacrime Chiara Ferragni racconta così quanto successo lunedì, quando la sua Matilda, il bulldog francese che vive con lei da quasi dieci anni, è stata male e dopo la corsa dal veterinario si è scoperto che ha un tumore.

L’influencer chiede poi ai fan di sostenerla in questi momenti difficili, mandando a lei e a Matilda delle “positive vibes”. Dopo qualche ora, assieme a Fedez, aggiorna i follower sulla situazione: “È ricoverata dal nostro veterinario in modo da essere controllata 24 ore su 24 per eventuali altre crisi epilettiche e capire il dosaggio perfetto per lei delle medicine anti-epilettiche. Mercoledì speriamo possa tornare a casa e poi comincerà le sessioni di radioterapia sperando che il tumore non aumenti di taglia. Purtroppo, abbiamo scoperto che questo tipo di tumore è molto frequente nei Bulldog francesi come lei. Tenetela nei vostri pensieri che la vogliamo con noi ancora tanti anni”.

Al che Fedez cerca di consolare la moglie: “Vediamo il bicchiere mezzo pieno: c’è ancora speranza. Ha un brutto male, ma è curabile. Dita incrociate. Date un po’ di supporto a questa patatina che è triste”. Dopo lo sfogo, Chiara Ferragni ha postato una foto in compagnia di Matilda, accompagnata dalla didascalia: “Sei la più forte e ti auguriamo il meglio. Supererai anche questa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ornella Muti e Naike Rivelli in caserma dai carabinieri: “I figli non si toccano, cara Barbara D’Urso”

next
Articolo Successivo

Torna il Pulcino Pio e “ha grandi progetti”. Non potete crederci? Nemmeno noi

next