“Nella nostra Unione non c’è spazio per nessun razzismo e nessun tipo di discriminazione”. Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen intervenendo alla plenaria del Parlamento europeo al dibattito sulla morte di George Floyd. “Non ho mai sperimentato l’essere trattata diversamente solo per la mia apparenza – ha detto von der Leyen con un discorso toccante – Non so cosa voglia dire essere trattata con sospetto giorno dopo giorno. Ma una cosa la sappiamo, che tanti questo lo conoscono. È da troppo tempo che tolleriamo il razzismo”.

La presidente poi continua, sottolineando che l’Unione europea è avvantaggiata: “La buona notizia è che non partiamo da zero. Nella Ue la discriminazione è vietata da atti giuridici e dai trattati e da altre norme e direttive, ma dobbiamo fare di più. Sono fiera di vivere in una società che condanna il razzismo, ma non possiamo limitarci a questo, noi dobbiamo saper lanciare un campanello di allarme e attivarci, la vigilanza e la consapevolezza da parte di ciascuno di noi è importante”. Fondamentale, quindi, applicare a pieno il motto dell’Ue “uniti nella diversità”. “Il nostro compito – conclude – è dimostrare di essere all’altezza di questo motto e realizzarlo concretamente. Sono qui per ascoltarvi per una Europa migliore, unita nella diversità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, europarlamentari M5s: “Relazione Corte dei Conti Ue non va ignorata, rischio cattedrale nel deserto. Quei fondi siano destinati al Covid”

next
Articolo Successivo

Ue, emendamento di Identità e Democrazia per creare il “ministero della Verità”: ma è protesta contro la commissione sulla disinformazione

next