L’altare è stato nascosto, al posto delle panche sono spuntati i banchi, le statue dei Santi sono state spostate: è rimasto solo il crocefisso e le tavole della Via Crucis appese al muro. A Roma la chiesa dell’Istituto “La Salle Aventino Pio IX”, scuola paritaria cattolica, da settembre diventerà un’aula che ospiterà la classe prima. Lo hanno deciso il direttore, Andrea Biondi, e il coordinatore delle attività didattiche, Mario Rusconi. Dove si celebrava la messa ora si farà lezione di italiano, matematica, musica e arte. I banchi sono già pronti, disposti nell’ex cappella, a distanza di un metro e mezzo l’uno dall’altro; è già stata disposta anche la lavagna multimediale e quella d’ardesia con i gessi. I fratelli lasalliani non hanno avuto alcun dubbio: per accogliere in maniera adeguata i 25 bambini che arriveranno in prima, hanno preferito “sacrificare” lo spazio della chiesa piuttosto che avere un’aula troppo piccola.

“La prospettiva di San Giovanni Battista de La Salle, fondatore della comunità, è l’attenzione a Dio e ai bisogni dei giovani. L’obbligo morale dei fratelli è la formazione e l’educazione – spiega il coordinatore Mario Rusconi – Nel momento in cui si è presentato il bisogno di privilegiare la formazione dei ragazzi, non c’è stata alcuna remora a prendere questa decisione”. La cappella è stata spostata in una stanza più piccolina per garantire uno spazio adeguato ai bambini.

L’istituto dell’Aventino, come tante altre scuole, ha dovuto ripensare la sua organizzazione e fare i conti con le nuove misure di sicurezza previste. I confratelli non vogliono farsi trovare impreparati a settembre, ma dare fin da ora risposte chiare ai genitori ai quali non hanno ancora comunicato che l’aula sarà nell’ex chiesa. Il direttore confida nella comprensione delle mamme e dei papà, anche perché questa soluzione permetterà di avere un distanziamento che va oltre il metro e mezzo. “Abbiamo fatto tutto il possibile – spiega Rusconi – per rendere la chiesa un luogo più simile alle aule coprendo i simboli sacri. Ora speriamo di non dover ricorrere all’uso del plexiglass”.

L’istituto Pio IX ha chiesto in queste settimane un preventivo e la spesa sarebbe di circa 18mila euro, 100 euro a banco. Intanto la scuola cattolica paritaria si è organizzata pensando alla segnaletica a terra, al termoscanner all’ingresso, a una stanza per la quarantena, a orari di ingresso scaglionati così come per la mensa e per la ricreazione. Il rientro a scuola non sarà facile, ma i fratelli di La Salle hanno fatto tutto il possibile per evitare che gli alunni si incrocino e si mettano in pericolo a vicenda. “Fortunatamente – prosegue Rusconi – qui gli spazi non mancano ma in molte altre scuole di Roma (e non solo) non è facile trovare delle soluzioni. Speriamo che dal ministero vi siano gli interventi promessi e che si possa lavorare già quest’estate per adeguare le aule o realizzare nuovi locali laddove sono necessari”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, ministra Azzolina: “Ho visto immagini surreali. Mai pensato di chiudere studenti dentro cabine di sicurezza o in strutture simili a gabbie”

next
Articolo Successivo

Scuola, la riflessione del maturando in un videomessaggio per i coetanei: “Ci aspettavamo esami diversi, eppure eccoci qui”

next