Un sacerdote si è recato questa mattina in carcere come di consueto per la messa domenicale riservata ai detenuti ma durante i controlli di sicurezza gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno scoperto che addosso aveva nascosto 9 cellulari. È quanto successo nel penitenziario di Carinola, in provincia di Caserta, struttura che ospita circa 500 detenuti considerati di “media sicurezza”.

Secondo quanto rende noto l’Uspp, l’Unione dei Sindacati di Polizia Penitenziaria, il religioso è stato subito bloccato e ora è incorso un’indagine dell’autorità giudiziaria. Il sacerdote aveva nascosto i telefoni in alcune buste di tabacco, 8 micro telefoni e uno smartphone assieme ad altrettanti caricabatteria e cavetti usb.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, arrestato il presunto aggressore che ha accoltellato un 24enne durante una rissa: è il figlio del capo ultrà interista Franco Caravita

next
Articolo Successivo

App Immuni, scaricata da 2 milioni di italiani. Arcuri: “Adesso i test molecolari sono l’unico modo per dare la caccia agli asintomatici”

next