Centinaia di scarpe davanti al Comune di Torino, simbolo di tutte le persone a cui sta a cuore il futuro dell’ambiente, per chiedere alle istituzioni, locali e nazionali, “che la ripartenza dopo l’epidemia da Coronavirus non rappresenti un ritorno al modello economico basato solo sul profitto che tanti danni ha fatto fino ad oggi”. E’ l’iniziativa degli attivisti di Friday for Future che a Torino, come in altre città d’Europa, sono tornati a manifestare in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente. “Le scarpe sono un simbolo – spiega Valentina Bonavoglia, del movimento di Torino – non possiamo manifestare fisicamente perché sarebbe un assembramento e come movimento rispettiamo la scienza e rispettiamo le misure di sicurezza. È una manifestazione simbolica per fare capire alla città che non si può lasciare indietro nessuno. Oggi è la Giornata dell’ambiente e dopo il coronavirus più che mai sarebbe ora di ascoltare il pianeta, non basta quello che abbiamo imparato, non è bastato sparire per due o tre mesi. Noi continueremo a manifestare, faremo presto una pedalata”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, in spiaggia il Comune mette sacchi di plastica come segnaposti per il distanziamento. Pd: “Portati via dal mare”. Fdi: “E’ una bufala”

next
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici? Tutti green ma solo a parole. Ecco come media e politici pompano l’ambientalismo, ma nascondono notizie scomode ai grandi inquinatori

next