Nella puntata di “Fratelli di Crozza”, in onda il venerdì in prima serata sul Nove e in live streaming su DplayMaurizio Crozza per la prima volta veste i panni del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che si pronuncia sulla riapertura delle discoteche e dei cinema:Sa perché noi possiamo riaprire dopo 116 giorni di contagio? Per l’igiene che abbiamo noi nello Stato del Veneto. È un fatto culturale che abbiamo di lavarsi, farsi la doccia, pulirsi le mani con lo Swiffer, i denti con l’Anitra Wc. Noi facciamo la doccia, ci asciughiamo e subito la rifacciamo perché abbiam toccato l’asciugamano”.

E aggiunge: “Qui in Veneto c’è gente che non esce dal bagno da vent’anni. È proprio un fatto culturale ma anche il mangiare, il frigorifero, il tonno. Uno dice: cosa c’entrano il frigorifero e il tonno? In Cina abbiamo visto tutti che mangiano i topi vivi. E’ per quello che hanno avuto il Covid. Ragionateci un po’ sopra. Noi in Veneto mangiamo le schie… va che belli… i gamberetti della laguna”

Live streaming, episodi completi e clip extra su Dplay.com

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza e l’appello a Franceschini: “I lavoratori dello spettacolo e della cultura scendono in piazza. Ti prego, ascoltali e soprattutto ‘granali'”

next
Articolo Successivo

Crozza: “Sei di Torino e vuoi andare in Puglia? Vai a Pinerolo. Affitti una casetta, smussi gli angoli e diventa un trullo”

next