La Giunta per le Immunità del Senato salva il leader della Lega Matteo Salvini dal processo per il caso Open Arms. Determinante l’astensione dei tre senatori di Italia Viva. Francesco Bonifazi motiva così la scelta del gruppo: “Avevamo chiesto un supplemento d’indagine“. In verità già prima dell’emergenza Covid19 in Giunta si erano svolte le dichiarazioni di voto, a dimostrazione che l’istruttoria era terminata. E lì, richieste in tal senso da parte dei senatori del partito fondato da Matteo Renzi non ci furono. “S’è votato oggi” è la risposta di Bonifazi all’obiezione posta da parte dei cronisti. Il senatore di Italia Viva, mentre si allontana dal Senato, ci tiene a precisare che il voto di oggi riguarda “una questione abbastanza complessa e non facciamo favori a nessuno”. A successive domande, preferisce rifugiarsi all’interno di un taxi e salutare. Per il capogruppo dem a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, il Pd “ha votato a favore dell’autorizzazione e contro la relazione di Gasparri dopo aver approfondito le carte. Voto che confermeremo in Aula“. Italia Viva? “Ho difficoltà a comprendere la loro posizione”. Il voto di oggi “mi ha deluso” commenta Elvira Evangelista, capogruppo M5S in Giunta autorizzazioni di Palazzo Madama. “Italia Viva? La loro decisione di astenersi mi ha sorpreso, ma sono scelte loro”. Anche il M5S esclude ‘segnali politici‘ tra il partito di Renzi e Matteo Salvini e sulla scelta della senatrice Riccardi (M5s) di votare a favore della relazione Gasparri, la Evangelisti commenta: “La sua è stata una decisione personale, che io e il gruppo M5S non condividiamo assolutamente”. Rischia l’espulsione? “No, non credo” conclude la senatrice pentastellata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, nessun accordo: rinviato esame in commissione. Governo spinge per il 20 settembre ma Regioni contrarie: “Tardi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, sottosegretario Variati: “Assistenti civici? Sono volontari, come ‘gli angeli del fango’. Non daremo consenso a ronde o a sceriffi”

next