“Per prima cosa smentisco di essere passato alla Lega e non ho alcuna intenzione di farlo”. Così il senatore Mario Giarrusso, espulso lo scorso aprile dal Movimento 5 stelle per problemi di rendicontazione, dopo aver votato in Giunta per le immunità contro l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso Open Arms. “Ho espresso il mio voto in linea con quanto stabilito dagli attivisti su Rousseau”, ha aggiunto Giarrusso. “Ho espresso la mia contrarietà dopo aver letto le carte e secondo coscienza”, ha spiegato Alessandra Riccardi del M5s, “come nel caso della nave Diciotti, non è venuta meno l’azione del governo nel perseguimento delle sue politiche sui flussi migratori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

App Immuni, sperimentazione al via da inizio giugno in Liguria, Abruzzo e Puglia. Viale, vice di Toti: “Liguri non saranno cavie del governo”

next
Articolo Successivo

ArcelorMittal, Patuanelli: “Piano industriale il 5 giugno, me lo aspetto serio e ambizioso. Scudo penale? Non c’entrava con contratto”

next