“Volevo chiedere ai miei clienti di chiamarmi per prenotare non con un numero privato perché sono iniziati gli scherzi stupidi”. Inizia così il videomessaggio che il ristoratore napoletano Mariano Scognamiglio ha pubblicato sul suo profilo Facebook per raccontare quello che gli sta succedendo da che è andata in onda l’ultima puntata di “4 Ristoranti”, il programma di Alessandro Borghese a cui ha partecipato con il locale che gestisce assieme al compagno. Nel mirino degli haters è finito un bacio che la coppia si è scambiato nel corso della puntata. Da quel momento infatti, è stato tempestato da chiamate e messaggi con insulti omofobi, motivo per cui ha deciso di sporgere denuncia alla polizia postale che ora sta indagando per rintracciare i responsabili.

Mi chiamano dandomi del fr*** di m***a, con un accento toscano poi hanno messo il modificatore della voce e mi stanno tempestando di chiamate con il numero anonimo, è un continuo è da stamattina che sta succedendo questa cosa”, ha spiegato nel video Scognamiglio, originario di Napoli. “Dopo 10 anni partecipi a una trasmissione televisiva che deve essere un gioco e è iniziato tutto questo, da stamattina solo offese e improperi”. Il ristoratore 51enne porta avanti la sua attività da dieci anni con il compagno e ha ammesso che quando succedono queste cose si è anche tentati di gettare la spugna, poi giustamente prevale la voglia di proseguire per la propria strada lasciando le persone piccole nella propria ignoranza: “A volte ti piglia allo stomaco, chiuderesti baracca e bottega e andresti via… in 50 anni di vita a Napoli nessuno si è mai permesso di dirmi questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Andrea Bocelli rivela: “Ho avuto il Covid-19. Adesso ho donato il plasma”. Contagiati anche la moglie e i due figli

next
Articolo Successivo

Adottare una mucca (a distanza): è boom di richieste per l’iniziativa a sostegno degli allevatori. In cambio burro e formaggi

next