Adottare una mucca a distanza ora è possibile, ed è boom di richieste. La cooperativa Cooperativa Peralba di Costalta, provincia di Belluno, ha lanciato un’iniziativa bizzarra quanto altruista. “Adotta una mucca di Costalta” è il nome dell’idea nata per sostenere i piccoli produttori in difficoltà durante la crisi legata al Covid-19. Attraverso la piattaforma si può scegliere un bovino e, in base alla tipologia e al pacchetto scelto, si riceveranno direttamente a casa delle scorte di formaggi e di burro prodotti proprio dalla mucca adottata. In più, il cliente riceverà anche un attestato di adozione con i dettagli anagrafici del bovino e le informazioni per restare aggiornati su quando sarà al pascolo durante il periodo estivo.

Dal produttore al consumatore, senza passaggi intermedi. “Adottando una delle nostre mucche ci aiuterai a continuare la nostra attività in questo bellissimo ma difficile territorio. Con la tua adozione noi potremo continuare ad accudirla al meglio, a darle solo alimenti di alta qualità e potremo continuare a fargli produrre il nostri buonissimi prodotti caseari”, dicono gli allevatori di Costalta.

I pacchetti su cui scegliere sono tre. Quello base prevede l’adozione di una mucca per un solo mese al costo di 39 euro e permette di ricevere i seguenti prodotti: “Mezzo chilo di burro, quello giallo che non trovi più, quello artigianale per capirci. Un chilogrammo di Formaggio Latteria, più o meno stagionato, a seconda di quando adotti la tua Mucca e una buonissima caciotta da un chilo prodotta e marchiata dalla Cooperativa Peralba Costalta”. Il pacchetto intermedio costa 219 euro e vale per sei mesi, mentre il terzo è annuale e costa 409 euro. Quest’ultimo permette di “sentire con il tuo palato dove la tua Mucca è stata, se nella stalla a mangiare fieno o negli alpeggi a nutrirsi di erba e fiori”. Al momento, però, l’iniziativa ha già fatto sold-out: “Purtroppo la nostra piccola realtà artigiana è arrivata al limite della produzione e per questo mese dobbiamo sospendere le adozioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

4 ristoranti, la denuncia di un ristoratore: “Mi chiamano dandomi del fr*** di m***a, viene voglia di chiudere baracca e burattini”

next
Articolo Successivo

Fedez vede le frecce tricolori e si commuove: “Ho i brividini, pazzesco”

next