Durante la discussione degli ordini del giorno sui lavoratori frontalieri e Coronavirus alla Camera dei Deputati una frase detta dal deputato 5 Stelle Giovanni Currò fa scoppiare la bagarre in Aula. “La Regione Lombardia è oggetto del più grande fallimento della gestione sanitaria della storia della Repubblica italiana”, dice il deputato. Subito i banchi dell’opposizione insorgono, levandosi le mascherine. Le urla sono frenate presidente di turno, Fabio Rampelli: “Cerchiamo di portare rispetto all’Istituzione che rappresentiamo e i deputati che si trovano nelle tribune sono pregati di mettere la mascherina”. Prende la parola Nicola Fratoianni che denuncia “l’indecenza di minacce ripetute sistematicamente nei gesti e nelle parole”, poi il deputato di Leu fa appello alle norme di sicurezza: “L’uso della mascherina è obbligatorio io non intendo continuare a lavorare in un’Aula in cui i colleghi della Lega e della destra continuano a togliere la mascherina per urlare, minacciare e sputacchiare. È una vergogna“. La bagarre continua quindi per alcuni minuti con un botta e risposta tra i banchi dell’opposizione e quelli della maggioranza, prima di riprendere con l’ordine del giorno.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, ‘i test sierologici non devono gravare sulla sanità pubblica’. Perché, assessore Gallera?

next