Donald Trump, Jair Bolsonaro e Matteo Salvini. I tre nomi rientrano nella classifica stilata dalla Bbc sui politici che più di tutti gli altri, nel corso della pandemia, hanno diffuso fake news. Loro – spiega il giornalista Chris Morris in un video pubblicato il 16 aprile ma che in queste ore viene ricondiviso da migliaia di utenti sui social – , sono alcuni di quelli che “fanno alzare il sopracciglio”. Il leader della Lega ha infatti suggerito che il virus sia stato creato in laboratorio a Wuhan e la Bbc mostra il tweet dedicato al servizio del 2015 di Tg Leonardo, che ha invaso bacheche social e chat di whatsapp. Ma tutte le ricerche scientifiche hanno dimostrato che non è stato creato dall’uomo.

Guardando agli altri leader, Trump ha cercato di minimizzare la pandemia e spiegato che migliaia di mascherine chirurgiche erano state rubate negli ospedali di New York per giustificare una domanda così elevata. Ma la verità è che non c’è stato nessun furto. Grandi diffusori di fake news anche i politici cinesi che, sui loro profili e utilizzando la tv di Stato, hanno dichiarato che il virus non fosse nato in Cina, che fosse stato creato dall’esercito americano e che avesse fatto la sua comparsa in Italia ben prima che arrivasse a Wuhan. Anche questo senza portare nessuna prova, visto che la comunità scientifica concorda sul fatto che Sars-Cov-2 abbia fatto il salto di specie (“spillover”) dall’animale all’uomo e che sia comparso proprio in Cina a fine 2019. E poi c’è il caso del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, bannato da Instagram, Facebook, Twitter e YouTube proprio perché diffondeva fake news via social media. Tra i post bannati anche quello in cui dichiarava che l’antimalarico idrossiclorochina fosse una cura efficace contro Covid-19. Certo, spiega Morris, ci sono esperimenti in corso – Italia compresa – ma la validità assoluta del farmaco è tutta da dimostrare.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, il question time alla Camera con i ministri Azzolina, Bonafede e Spadafora. Tra i temi anche la nomina capo Dap – la diretta

next
Articolo Successivo

Lavoratori stranieri, Bellanova: “Regolarizzarli è una battaglia per la legalità. La proposta non porta consenso perché non votano”

next